Cosa Facciamo

Leo Vito Costruzioni esegue lavori a Otranto

Ediliza

• Costruzione edifici civili,loculi cimiteriali in opera e prefabbricati
• Costruzione edifici industriali
• Ristrutturazioni
• Tinteggiatura

 

Movimento Terra

• Scavi
• Sbancamenti
• Riempimenti
• Rilevati
• Demolizioni industriali,civili,edifici e speciali
• Sistemazione Piazzali
• Aree a Verde
• Opere fluviali
• Sistemazione idraulica
• Bonifica

Pavimentazioni 

• Pavimentazioni Basolati
• Pavimentazioni Autobloccanti
• Marciapiedi
• Massetti
• Rivestimenti
• Pavimentazioni Sasso Lavato

Impianti 

Leo Vito Srl si occupa anche della costruzione, manutenzione e ristrutturazione di acquedotti e fognature. Un acquedotto è il complesso delle opere di presa, convogliamento e distribuzione dell'acqua necessaria ad una o più utilizzazioni: uso potabile, uso irriguo, uso industriale, ecc.

Costruttivamente può essere realizzato in vari modi: con canali artificiali, con tubazioni o con soluzioni miste. Nel caso di canali il funzionamento può essere solo a pelo libero, nel caso di tubazioni anche in pressione.

I materiali prevalentemente usati sono la ghisa (con prevalenza della ghisa sferoidale: GS), l'acciaio, il polietilene (ad alta densità (PEAD), il PVC, il cemento armato ed il cemento armato precompresso.

Una fognatura è, invece, il complesso di canalizzazioni, generalmente sotterranee, per raccogliere e smaltire lontano da insediamenti civili e/o produttivi le acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e quelle reflue provenienti dalle attività umane in generale.

I materiali prevalentemente usati sono il PVC tipo SN (ex serie 303/1-2)  e ghisa sferoidale.

•  Acquedotti
• Fognature
• Impianti di sollevamento
• Smaltimento acque reflue
• Impianti di trattamento acque di prima pioggia
• Trattamento delle acque di scarico civili ed industriali
• Manutenzioni ordinarie e straordinarie di acquedotti e fognature

Opere Stradali

• Pavimentazioni Piazze
• Marciapiedi
• Piste Cilopedonali
• Realizzazioni di Strade pubbliche e private
• Manutenzioni ordinarie e straordinarie stradali
• Rappezzi Stradali
• Autostrade-Ponti-Viadotti
• Ferrovie,Linee tranviarie-Metropolitane- Funicolari
• Piste aeroportuali, e relative opere complementari

La nostra Azienda Opera nelle seguenti Provincie:

  • Provincia Di Lecce
  • Provincia Di Taranto
  • Provincia di Brindisi
  • Provincia di Bari
  • Provincia di Barletta - Andria - Trani

Per info e preventivi  3282132351, 0832 966791

Email impresa.leovito@libero.it

 

Richiedi il tuo preventivo Gratuito.

Aperto
Orari aperti oggi: 08:30 - 19:00
  • Lunedì

    08:30 - 19:00

  • Martedì

    08:30 - 19:00

  • Mercoledì

    08:30 - 19:00

  • Giovedì

    08:30 - 19:00

  • Venerdì

    08:30 - 19:00

  • Sabato

    Chiuso

  • Domenica

    Chiuso

  • 27 Ottobre 2020 11:25 local time

Siamo Presenti
Segui la nostra pagina
Contatti Leo Vito Costruzioni
  • Sede Legale

    Veglie-LE- 73010 Via Della Vittoria 16

  • Email

    impresa.leovito@libero.it

  • Email pec

    leovitosrl@pec.it

Youtube
Certificazioni

Certificazioni 

SOA

Risultati immagini per soatech

La Società  è in possesso dell’attestazione di qualificazione per l’esecuzione di opere e lavori pubblici, rilasciata dall’ente LA Soatech., nelle seguenti categorie:

  • OG1 classifica III° - edifici civili ed industriali – lavori fino a € 1.033.000,00
  • OG3 classifica III°bis  -Strade, autostrade, ponti, viadotti, ferrovie, linee tranviarie, metropolitane, funicolari, piste aeroportuali e relative opere complementari - lavori fino a € 1.500.000,00
  • OG6 classifica II° -Acquedotti, gasdotti, oleodotti, opere di irrigazione e di evacuazione - lavori fino a € 516.000,00
  • OS24 classifica I- Verde e Arredo Urbano - lavori fino a € 258.000,00

L’Attestazione SOA oltre ad essere obbligatoria per partecipare a gare d’appalto pubbliche superiori a € 150.000,00, in caso di lavori privati è prova delle capacità tecniche e di solidità della ditta, infatti, per l’ottenimento della SOA la Ditta si sottopone ad una serie di verifiche tecniche, fiscali e contributive, riferite agli ultimi 10 anni di attività.

 

Cerificato Qualità

 iso 9001/2015kiwa

Per chi opera nell’ambito edile è importante ottenere delle certificazioni, perché costituiscono una sorta di testimonianza dell’affidabilità dell’azienda ed ispirano una sensazione di fiducia sia quando si parla di costruzioni in ambito privato, sia quando si tratta di opere pubbliche.

L'azienda è in possesso della dell’attestazione UNI EN ISO 9001, che certifica il sistema di gestione per la qualità sia in ambito lavorativo, sia riguardo alla gestione delle risorse umane e del rispetto per l’ambiente.

UNI EN ISO 9001:2015;

Albo Gestori Ambientali

Risultati immagini per albo gestori ambientali

Autorizzazione allo smaltimento, nonché al trasporto nelle discariche pubbliche e private iscritta all’albo nazionale

gestori ambientali ai sensi dell’art 212,comma8,del decreto legislativo 3 aprile 2006 n 152 e successive modiche e  integrazioni per l’esercizio delle operazioni di raccolta e trasporto dei rifiuti non pericolosi e delle operazioni di
raccolta e trasporto dei rifiuti pericolosi in quantità non eccedente trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al
giorno.

Formazione Personale Dipendente

In attuazione del D.Lgs. 81/08, è stato approvato l’Accordo Stato-Regioni, in merito alla formazione dei lavoratori che impiegano attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione.
A seguito dell’entrata in vigore di tale normativa è stato formato il personale della Ditta per ottenere le seguenti abilitazioni:

- Lavori in altezza ed utilizzo DPI anticaduta III categoria

- Addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili (PLE) con e senza stabilizzatori

- Addetto alla conduzione di escavatori idraulici, caricatori frontali e terne

- Montaggio-smontaggio ponteggi e preposto

- Preposto

Video
Novità

Effettuiamo Impermeabilizzazione Con Poliurea a Otranto

 

La più interessante caratteristica della poliurea deriva dal fatto che essa può essere applicata con successo per l’impermeabilizzazione praticamente di ogni tipo di superficie.

Vediamo alcuni esempi:

  • Tetti impermeabilizzati piani e inclinati: la poliurea permette di avere non solo una protezione dall’acqua ed umidità, ma anche dal vento e dalle condizioni estreme.
  • Impermeabilizzazione di muri perimetrali: l’isolamento che si ottiene con la poliurea consente un ottimo risparmio energetico.
  • Impermeabilizzazione di terrazzi e balconi: la poliurea è antiradice e consente la creazione di una guaina eccellente perché liscia e perfettamente uniforme oltre che calpestabile quasi immediatamente dopo la lavorazione.
  • Impermeabilizzazione di vecchie guaine bituminose usurate: la poliurea può perfettamente rinnovare le guaine usurate.
  • Impermeabilizzazione di solai, passerelle, balconi e giardini pensili: diversamente da altri prodotti utilizzati per gli stessi obiettivi di impermeabilizzazione, la poliurea impedisce completamente le infiltrazioni d’acqua.
  • Impermeabilizzazione di opere pubbliche o private come parcheggi, vasche in cemento, muri contro terra, gallerie, asfalto, ponti, strade e viadotti: l’elevata elasticità della poliurea la rende perfetta quando il supporto su cui viene applicata presenta dilatazioni o non è perfettamente omogenea. Queste superfici, inoltre, sono soggette all’usura rappresentata dagli agenti atmosferici. Le proprietà della poliurea la rendono l’ideale protezione anche in questi casi.
  • Impermeabilizzazione di imbarcazioni, piscine, opere idrauliche, vasche in vetroresina

Poliuretano a spruzzo

Il poliuretano a spruzzo può essere utilizzato, come detto, in diverse applicazioni.
In particolare è usato per:
• impermeabilizzazione di tetti, terrazzi, muri, pareti e pavimenti;
• isolamento di pareti e tetti;
• bonifica e incapsulamento delle lastre di fibrocemento (amianto).

Faena Edilizia: applicazioni del poliuretano a spruzzo

Per la coibentazione dei tetti, di qualsiasi sagomatura, il poliuretano può essere utilizzato sia sottotegola che all'estradosso. In quest'ultimo caso è necessario applicarvi un coating elastomerico a protezione dai raggi UV e dagli agenti atmosferici.

Può essere utilizzato anche per coibentare muri di fondazione o pavimenti. Per le pareti può essere applicato direttamente a spruzzo sulle superfici o per iniezione nelle intercapedini interne.

 

 

Novità 2019

Risultati immagini per bonus ristrutturazione 2019

Vediamo insieme come funziona il bonus ristrutturazioni, quali sono i requisiti e quali tipologie di interventi di recupero danno diritto alle agevolazioni.

Bonus ristrutturazioni 2019: come funziona

Come specificato nella guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali” aggiornata dall’Agenzia delle Entrate lo scorso maggio 2019, il bonus permette di detrarre dalla dichiarazione dei redditi (IRPEF) parte delle spese sostenute per la riqualificazione di abitazioni private o parti condominiali. Gli interessati possono detrarre il 50% delle spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019, con un limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Per spese sostenute dal 1 gennaio 2020 in poi, la detrazione si riduce al 36%. La detrazione ottenuta dovrà essere divisa in 10 rate di pari importo e divise nelle dichiarazioni 730 dei successivi 10 anni.

Fanno parte delle spese ammissibili anche i costi sostenuti per la progettazione e altre prestazioni professionali; spese per acquisto materiali; spese per sopralluoghi e perizie; l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le comunicazioni di inizio lavori; gli oneri di urbanizzazione.

Per ottenere le agevolazioni fiscali del bonus ristrutturazioni 2019 sarà sufficiente indicare nella dichiarazione dei redditi i dati identificativi dell’immobile, gli estremi dell’atto che certifica il possesso (o il godimento dei diritti) dell’immobile e tutte le altre informazioni necessarie per il controllo della detrazione.

Bonus ristrutturazioni 2019: requisiti

Per poter usufruire degli sgravi fiscali del bonus ristrutturazioni è necessario che i lavori abbiano inizio entro il 31 dicembre 2019 e che i pagamenti siano effettuati entro la fine dell’anno. Come detto, le spese sostenute dopo questa data daranno diritto a un’agevolazione del 36% anziché del 50%.

In caso di interventi di riqualificazione energetica degli edifici è necessario inviare la documentazione degli interventi all’ENEA. La comunicazione dovrà avvenire per via telematica (sul sito https://bonuscasa2019.enea.it/index.asp) entro 90 giorni dal termine dei lavori.

Affinché venga concesso il bonus, è necessario che il pagamento fatto nei confronti della ditta si “parlante”. L’unica modalità di pagamento ammessa, dunque, è il bonifico bancario o postale nel quale devono essere indicati il codice fiscale di chi usufruirà della detrazione; codice fiscale o partita IVA di chi ha eseguito i lavori; nella causale del pagamento, invece, dovrà essere inserita la dicitura “Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986”.

Bonus ristrutturazioni 2019: chi può richiederlo

Le detrazioni possono essere richieste da tutti i contribuenti soggetti all’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) anche non residenti in Italia. La domanda per il bonus ristrutturazioni 2019 può essere avanzata non solo al proprietario dell’immobile, ma anche dai titolari dei diritti reali di godimento sull’immobile.

In particolare, il bonus ristrutturazioni 2019 può essere richiesto da:

  • proprietari o nudi proprietari
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • locatari o comodatari
  • soci di cooperative divise e indivise
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce
  • soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Possono inoltre usufruire degli sgravi fiscali previsti dal bonus ristrutturazioni anche:

  • familiari conviventi con il proprietario o il detentore dei diritti dell’immobile
  • coniuge separato assegnatario dell’immobile
  • conviventi more uxorio con il proprietario o detentore dei diritti dell’immobile
  • componente dell’unione civile.

Quali lavori fanno parte del bonus ristrutturazioni 2019

La lista di lavori che danno diritto al bonus ristrutturazioni 2019 è piuttosto lunga. Ci sono interventi di manutenzione straordinaria; restauro e risanamento conservativo; ristrutturazione edilizia.

Rientrano nella categoria dei lavori di manutenzione straordinaria interventi come:

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso (come il bonus zanzariere o il bonus tende da sole)
  • rifacimento di scale e rampe
  • interventi finalizzati al risparmio energetico (il bonus condizionatori)
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne.

Nella categoria degli interventi di restauro e risanamento conservativo rientrano i lavori come:

  • interventi mirati all’eliminazione e alla prevenzione di situazioni di degrado
  • adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti
  • apertura di finestre per esigenze di aerazione dei locali.

Nella categoria della ristrutturazione edilizia sono inclusi lavori come:

  • demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria dell’immobile preesistente
  • modifica della facciata
  • realizzazione di una mansarda o di un balcone
  • trasformazione della soffitta in mansarda o del balcone in veranda
  • apertura di nuove porte e finestre
  • costruzione dei servizi igienici in ampliamento delle superfici e dei volumi esistenti

Altri lavori ammissibili sono quelli legati all’eliminazione delle barriere architettoniche; alla ricostruzione di edifici colpiti da eventi calamitosi; misure finalizzate a prevenire il rischio di azioni illecite da parte di terzi (come furti, aggressioni, sequestro di persona); adozione di misure antisismiche; cablatura degli edifici e contenimento dell’inquinamento acustico.

 

Approfondimenti
Richiesta informazioni e/o preventivo
[contact-form-7 id="5" title="Contact Us"]
mood_bad
  • No comments yet.
  • Add a review

    Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.